La ballata del ragazzo nella brughiera e altri melologhi

Il Melologo (ossia la recitazione con accompagnamento musicale) vide la luce nella Francia dei Lumi per opera di Rousseau. L'intento era quello di rendere giustizia alla parola troppo spesso celata nelle acrobazie del canto. La provocazione venne accolta con grande successo in tutta Europa e molti illustri compositori resero omaggio al nuovo genere. Tra questi, Schumann, Wagner, Liszt, Strauss e Ullmann.
Sono qui protagonisti insieme ai poeti Hebbel, Shelley, Goethe, Jókai, Uhland e Rilke.

PROGRAMMA

ROBERT SCHUMANN (Zwickau  1856 – Endenich, Bonn 1856)

 

      Schöne Hedwig, op. 106 / La bella Edvige

      Friedrich Hebbel

 

      Ballade vom Heideknaben op. 122,1 / La ballata del ragazzo nella brughiera

      di Friedrich Hebbel

 

      Die Flüchtlinge, op. 122,2 / I fuggitivi

      Percy Bysshe Shelley

 

RICHARD WAGNER (Lipsia 1813 – Venezia 1883)

 

      Melodram / Melologo

      Johann Wolfgang von Goethe

 

      Porazzi-Thema / Melodia dei Porazzi

      per pianoforte solo

 

FRANZ LISZT (Raiding 1811 – Bayreuth 1886)

 

      Des toten Dichters Liebe / L’amore del poeta defunto

      Moritz Jókai

 

RICHARD STRAUSS (Monaco 1894 – Garmisch-Partenkirchen 1949)

 

      Das Schloss am Meere / Il castello in riva al mare

      Ludwig Uhland

 

****

 

VIKTOR ULLMANN (Teschen 1898 – Auschwitz-Birkenau 1944)

 

        Die Weise von Liebe und Tod des Cornets Christopoh Rilke /

      Il canto d’amore e morte dell’alfiere Christoph Rilke
      Rainer Maria Rilke

 

Galatea Ranzi voce recitante  / Ani Takidze pianoforte

 

BIOGRAFIE

 

Galatea Ranzi, attrice teatrale che si è prestata spesse volte al cinema e  alla televisione. Ha studiato all’Accademia d’Arte drammatica di Roma, subito notata da Luca Ronconi che l’ha voluta in Amor nello specchio (1987). Nel 1988 riceve il premio UBU come migliore attrice giovane e menzione d’onore del  premio Eleonora Duse per Mirra di Alfieri con lo Stabile di Torino. Attrice fra le predilette da Ronconi, recita sotto la sua direzione in Strano Interludio  di O’Neill,  L’uomo difficile di Hofmannsthal, Gli Ultimi giorni dell’umanità di Kraus, Re Lear di Shakespeare, Il sogno di Strindberg, Lolita di Nabokov, Phoenix di Marina Cvetaeva, Il Candelaio di Giordano Bruno, Quel che sapeva Maisie di Henry James, Le Baccanti di Euripide, Prometeo incatenato di Eschilo. per arrivare al 2012,  al Biondo di Palermo, in Mistero doloroso di Anna Maria Ortese.

Esordisce sul grande schermo sotto la regia dei fratelli Taviani in Fiorile (1993) e di Tonino De Bernardi in Piccoli orrori (1993) e Appassionate (1999).  Tra le sue partecipazioni cinematografiche ricordiamo: Va’ dove ti porta il cuore (1996), Un viaggio chiamato amore di Michele Placido (2002), L’educazione fisica delle fanciulle (2005),  La vita che vorrei di Giuseppe Picconi (2004, candidata ai David per la migliore interpretazione femminile non protagonista), Tre metri sopra il cielo (2004), Ho voglia di te (2006), Aria di Valerio D’Annunzio (2009)

Per il piccolo schermo recita in L’avvocato delle donne, Il pranzo della domenica per la regia di Carlo Vanzina, Madame e La freccia nera per Salvatore Samperi.

 

 

Ani Takidze è nata a Tiflis in Georgia. Il suo eccezionale talento viene notato molto presto.

All’età di sette anni frequenta il Ginnasio di Musica per bambini dotati a Tiflis e successivamente frequenta il Conservatorio di Musica.

Grazie a una borsa di studio si trasferisce a Monaco di Baviera nel 2002 dove studia alla Scuola Superiore di Musica con i professori Franz Massinger e Helmut Deutsch.

È vincitrice del Concorso Svjatoslav Richter a Mosca (2005).

L’artista si esibisce regolarmente in Recitals e collabora con numerose orchestre come i Münchener Symphoniker, il Bayerischer Rundfunk, l’Orchestra Sinfonica di Nürnberg, l’Orchestra Sinfonica di Stato di Mosca, l’Orchestra Sinfonica di Tbilissi nonché con le orchestre da camera “Sinfonietta” e “Ricercare”.

 

Partecipa a numerosi importanti Festivals internazionali: Oleg Kagan Festival a Kreuth (Germania), Gidon Kremer Chamber Music Festival a Lockenhaus (Austria), Autumn Tbilisi Contemporary Music Festival (Tbilisi).