Julianne Young

Scozzese di nascita, ha iniziato gli studi presso il South African College of Music di Cape Town per poi concluderli al Royal College of Music di Londra. Durante questi studi, con Lillian Watson, ha conquistato importanti riconoscimenti, tra i quali il Song Prize al Kathleen Ferrier Awards e la John McCormack Golden Voice Competition in Irlanda.
I suoi ruoli operistici includono: Tisbe / Cenerentola per il Gran Teatro del Liceu, Barcelona, Baba the Turk / The Rake's Progress per il Teatro Massimo, Palermo e La Monnaie, Brussels, Waltraute / Die Walküre ai Festival di Salzburg e Aix-en-Provence, diretta da Sir Simon Rattle, Anezka / The Two Widows per la Scottish Opera, Mother Goose / The Rake’s Progress, per La Monnaie , Lyon, Teatro Real di Madrid e La Scala di Milano, Alcina / Orlando furioso con Jean-Christophe Spinosi e the Ensemble Matheus a Torino e Bremen, la Sorceress / Dido and Aeneas nel suo debutto a La Scala e alla Fenice di Venezia, Angelina / Cenerentola a Frankfurt e Cologna, Tisbe and Angelina / Cenerentola per The Welsh National Opera, una serie di Opera Galas per Castleward Opera, Polly Peachum / The Beggar’s a Bari, Idamante / Idomeneo per Glyndebourne Touring Opera, Hänsel / Hänsel und Gretel e Cherubino / Nozze di Figaro per Opera North, Seconda Dama / Zauberflöte per la Welsh National Opera e il Glyndebourne Festival, Edith / Pirates of Penzance per English National Opera, Popova / The Bear per Clonter Opera e nel Linbury Theatre, Covent Garden. Ancora: Jocasta / Oedipus Rex, Hippolyta / A Midsummer Night’s Dream, Adalberto / Ottone, Vitige / Flavio, Komponist / Ariadne auf Naxos (RCM), Phoebe / The Yeoman of the Guard (British Youth Opera), cover Ruggiero / Alcina per l’English National Opera e cover Nancy / Albert Herring per il Glyndebourne Touring Opera.
Julianne Young è un’eccellente voce recitante e fra le più recenti performances è quella della Phaedra di Britten a Torino con Jeffrey Tate e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Si è anche esibita alla Wigmore Hall, Queen Elizabeth Hall e the Barbican.
Intensa è anche la sua attività nell’ambito del ‘genere oratorio’: Praise we great Men di Britten con la City of Birmingham Symphony Orchestra e Sakari Oramo al Festival di Aldeburgh, Messiah di Händel e Requiem di Mozart alla Royal Albert Hall con Sir David Willcocks, e le Passioni Matthäus e Johannes di Bach al St. John’s Smith Square, l’ultima con Peter Schreier. Ha lavorato con la Royal Philharmonic Orchestra, Royal Festival Orchestra, BBC Concert Orchestra e English Chamber Orchestra.
Tra gli impegni recenti va segnalata una tournée in Sudafrica con il pianista Mark Nixon e Waltraute / Walküre concertante a Berlino con Simon Rattle e i Berliner Philharmoniker.