Daniel Borowski

Nato a Lodz in Polonia, Daniel Borowski ha studiato a Varsavia con Teresa Zylis Gara.

Dopo alcuni anni alla Staatsoper di Berlino il giovane basso si è fatto rapidamente conoscere in Europa e negli Stati Uniti.

È stato Commendatore all’Opéra du Rhin e ai Schwetzinger Festspiele (produzione registrata per TV ARTE), Basilio al Théâtre de Genève, Colline all’Opera di Francoforte, lo Spirito dell’acqua in Rusalka ad Amsterdam, Sarastro al Teatro Real di Madrid, Oroveso in Norma a Nantes, Daland in Vascello fantasma al Festival di Spoleto negli USA, oltre ad aver partecipato alle produzioni di Bohème, Lucia di Lammermoor, Macbeth e Don Giovanni - alla New York City Opera.

Tra gli altri importanti impegni recenti ricordiamo: Pia de Tolomei di Donizetti (Piero) alla Fenice di Venezia, l’Enfance du Christ e Te Deum di Verdi con Frühbeck de Burgos a Dresda, Requiem di Mozart con Neville Marriner, Fidelio (Don Fernando) con la London Symphony Orchestra diretta da Sir Colin Davis, The Rake’s progress (Trulove) all’Accademia Santa Cecilia, Requiem di Mozart alla Rai di Torino, Das Paradies und die Peri con Jeffrey Tate al San Carlo di Napoli, Salome (1.Nazareno) alla Scala, Scene dal Faust di Schumann al Regio di Parma, Rake’s progress al Massimo di Palermo, Sonnambula (Rodolfo) a Detroit, Walpurgisnacht con Neville Marriner alla Rai di Torino, Król Roger di Szymanowski al Massimo di Palermo e a Barcellona, Sarastro a Bregenz.

Fulcro del suo interesse è il repertorio verdiano, che lo ha portato a cantare, oltre a Macbeth, anche il Frate in Don Carlos (Amsterdam con la Concertgebouw Orchestra); i ruoli di Pietro e Fiesco in Simon Boccanegra (Glyndebourne Festival); Massimiliano nei Masnadieri (Londra National Opera Studio); il Re in Aida (Staatsoper di Berlino); Sparafucile in Rigoletto (Boston e a Varsavia), Ferrando nel Trovatore (Houston). Ha al suo attivo la registrazione su CD di Jerusalem di Verdi per la Philips Classics e la direzione di Fabio Luisi.

http://www.danielborowski.com/